Corso Milano senza pace: errori sullo svincolo di Rossetto

Pubblicato da il 10 giugno 2016 0 Commenti

A distanza di qualche anno dalla riqualificazione che si è rivelata non risolutiva almeno sotto il punto di vista della sicurezza, Corso Milano oggi affronta ulteriori e nuove criticità. Qualche settimana fa la Terza Circoscrizione aveva approvato all’unanimità la richiesta di una nuova rotonda per razionalizzare l’accesso dei residenti di Via Campania, mentre oggi, a lavori già avviati, emergono perplessità sulle soluzioni progettuali adottate per lo svincolo del supermercato Rossetto, ovvero la nuova strada di collegamento tra Corso Milano, Via Sicilia e Via Licata. Quest’ultima opera, lo ricordiamo, viene pagata interamente dal privato che sborsa ben 100 mila euro. In consiglio comunale la proposta aveva ottenuto il voto favorevole anche del Pd. La sua progettazione era affidata agli uffici comunali. Da un sopralluogo emerge che il nuovo incrocio è fuori asse di diversi metri, cosa che costringerà gli automobilisti ad una difficoltosa manovra ad esse. Idem per i pedoni che prima di attraversare dovranno percorrere un tratto di Via Sicilia. Sfasati di 7-8 metri risultano anche gli scivoli pedonali il che comporterà disagi inutili a disabili ed anziani. “In Circoscrizione i tecnici allargano le braccia essendo la progettazione di competenza comunale – spiega il capogruppo Pd Federico Benini – ma se sono stati commessi errori occorre rimediare prima della fine dei lavori”. Aggiunge il capogruppo comunale Pd Michele Bertucco: “Chiederò spiegazione agli uffici, certo questa rappresenta una ulteriore conferma che la riqualificazione di Corso Milano è stata fatta con poco criterio, sebbene non siano mancati né i soldi né il tempo”.