Affitti case popolari: trovare una soluzione è anche interesse primario del Comune

Pubblicato da il 7 agosto 2019 0 Commenti

Dalla manifestazione degli inquilini Ater e Agec di stamane, che hanno ottenuto un colloquio con un delegato della azienda Ater, ma anche dalle odierne dichiarazioni dell’assessore Lanzarin, emerge con chiarezza che, chi di dovere, non ha ancora capito dove stia l’errore nell’aumento indiscriminato dei canoni di affitto delle case popolari deciso dalla nuova legge regionale.
Non è questione, come dice Lazzarin, di valutare “caso per caso”, a tutela delle fasce più deboli. Questo ragionamento andava fatto, caso mai, prima di mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Il problema non si risolve nemmeno tutelando chi ha già un contratto a tempo indeterminato e penalizzando i nuovi entrati, come ventilato nel colloquio tra Ater e la rappresentanza di inquilini.
Il problema di questa legge sta nel fissare parametri equi di ingresso e di uscita dagli alloggi popolari.
Trovare una soluzione a questo problema è anche interesse primario anche dei Comuni che, in base alla legge stessa, saranno chiamati a coprire economicamente tutti i casi di morosità incolpevole che si verificheranno da qui in avanti.
Che i parametri attuali siano del tutto sballati si vede dal fatto che anche i percettori del reddito di inserimento (ora diventato reddito di cittadinanza) o di sussidi comunali hanno subito forti aumenti del canone.
Il meccanismo diabolico di questa legge, della quale come Pd chiediamo una sostanziale revisione, è che fa cassa prima sulla pelle dei più indigenti, e poi, una volta spennati, si rivale sulla casse dei Comuni. E’ dunque imbarazzante che la maggioranza a Palazzo Barbieri abbia respinto la nostra richiesta di svolgere una commissione consiliare urgente su questo tema prima della pausa estiva. C’era tutto il tempo tecnico per farlo, ma gli esponenti della maggioranza del Sindaco Sboarina hanno preferito andarsene in vacanza.

Per il gruppo consiliare comunale Pd
Elisa La Paglia, Federico Benini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *