Chiudere le scuole per la fiera? Un assurdo

Pubblicato da il 15 novembre 2016 0 Commenti

La riqualificazione di Verona Sud non è ancora partita (oggi il Sindaco inaugura il Bricoman che aprirà le porte al pubblico domani, 16 novembre) e già gli eventi fieristici vengono attesi come calamità naturali tali da richiedere la chiusura delle scuole.
Questo è un assurdo che dimostra come, chi dovrebbe programmare lo sviluppo della città contemperandolo con le esigenze dei suoi abitanti, in realtà non sappia quello che sta facendo. Altro che 10 giorni all’anno, con tutti i nuovi insediamenti commerciali che scaricheranno il traffico sull’asse di Viale del Lavoro–Viale delle Nazioni è facile prevedere che le giornate da bollino nero per il traffico sono destinate a crescere di gran lunga perché nulla sarà più come prima. Ai quartieri di Verona Sud non può essere chiesto di sottomettersi a questo sviluppo disordinato, proseguendo sulla stessa linea dell’ex assessore Corsi che non tenne nemmeno in conto le esigenze delle insegnanti delle scuole pubbliche del quartiere che avevano difficoltà ad ottenere il permesso di transito nei giorni di Fiera. Non è questo lo sviluppo che vogliamo, le legittime richieste di vivibilità dei cittadini devono trovare ascolto e soluzione.

I consiglieri comunali Pd Luigi Ugoli e Fabio Segattini