ON. DIEGO ZARDINI (PD): Ministri ITA, AUT e GER hanno sottoscritto la richiesta dell’Integruppo parlamentare Amici del Brennero e delle trasversali alpine TEN T

Pubblicato da il 29 settembre 2016 1 Comment

L’on. Diego Zardini manifesta la propria soddisfazione per il raggiungimento di un importante obiettivo, frutto del lavoro dell’Intergruppo parlamentare “Amici del Brennero e delle trasversali alpine TEN T” di cui è membro assieme ad altri parlamentari di Camera e Senato.

Ieri, infatti, è stata comunicata la sottoscrizione della richiesta congiunta tra Italia, Austria e Germania, da parte dei tre ministri Delrio, Dobrindt e Leichtfried sul documento, mediante il quale l’intergruppo aveva chiesto di rivalutare le intere tratte di accesso da Verona a Monaco, considerandole come parte di un unico progetto di interesse internazionale. L’auspicio è che la proposta possa essere accettata dalle istituzioni europee, in modo tale da aprire la strada a dei cofinanziamenti maggiori.

Commenta Zardini: “Ritengo sia un segnale importante in questo periodo storico, che tre Paesi europei sostengano insieme un’iniziativa. Per il raggiungimento di questo risultato ringrazio il Ministro Delrio e tutto il suo team, che con il loro supporto hanno conferito alla nostra proposta il peso e l’importanza che merita”.

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. aldo ha detto:

    On. Zardini, certamente è un ottimo risultato. Le ricordo tuttavia che l’aeroporto Catullo di Verona NON è stato inserito nel novero degli aeroporti “core”, dove invece fanno bella ed imponente presenza sia Bologna che Venezia, nostri diretti concorrenti ma anche Bari, Cagliari, Lamezia, ben lontani dai grandi assi di comunicazione. Il Catullo, all’incrocio di due assi fondamentali dei trasporti trans europei, figura in seconda fascia, alla stregua di Treviso, Cuneo eccetera. Ritengo indispensabile che si modifichi tale impostazione, riportando l’aeroporto Catullo al ruolo che la geografia, la storia e l’economia gli hanno attribuito e che invece è stato frustrato e mortificato in questi ultimi, disgraziati anni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *