Il recupero dei capolavori favorisca il rilancio della cultura a Verona

Pubblicato da il 12 maggio 2016 1 Comment

Con il recupero dei capolavori trafugati da Castelvecchio si apre l’opportunità di trasformare la delusione e la rabbia accumulate in tutti questi mesi in energia positiva che favorisca il rilancio del prestigio della cultura di Verona nel mondo. Non sappiamo se chiudere le scuole in segno di festa, come alcuni suggeriscono, sia la soluzione più appropriata, di certo ora abbiamo la possibilità, oltre che il dovere, di cambiare di segno l’immensa visibilità ricevuta da questa vicenda così da rendere l’immagine di Verona nel mondo ancora più accogliete, affidabile e prestigiosa. Questo significa innanzitutto lavorare per migliorare i sistemi di sicurezza, aumentare significativamente gli stanziamenti alla cultura e dare nuovo impulso alla promozione dell’arte sia presso i turisti che presso gli stessi veronesi. Il primo passo dovrebbe essere quello di lasciare alla cultura i soldi che vengono dalla cultura: i biglietti dell’Arena e dei musei non dovrebbero sparire nel bilancio generale ma essere reimmessi nello stesso circuito per spronare a far sempre meglio. Il rilancio del settore sarebbe la migliore ricompensa per l’eccellente lavoro svolto dalle forze dell’ordine e dagli inquirenti che hanno restituito alla città un pezzo del suo cuore. A tutti coloro che hanno collaborato a questo straordinario risultato vanno i nostri più sentiti ringraziamenti.

Per il gruppo consiliare comunale Pd
Michele Bertucco ed Elisa La Paglia

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giancarlo Crespi ha detto:

    Propongo che ripetiate l’iniziativa fatta dopo il furto; una visita programmata in grande stile, con il più vasto coinvolgimento possibile, almeno quanto l’indignazione suscitata in città e non solo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *