Prosegue l’azione del Governo a sostegno della Cultura

Pubblicato da il 2 febbraio 2016 0 Commenti

Dopo l’Art Bonus 2015, grazie al quale il Veneto ha raccolto 14,2 milioni (un terzo del totale) per 27 interventi, seconda regione dopo la Lombardia, per donazioni, la Legge di Stabilità 2016 ha stabilito in maniera permanente al 65% a favore di persone fisiche e giuridiche per le erogazioni liberali in favore della cultura. È stato, inoltre, prorogato al 2018 il termine per il raggiungimento dell’equilibrio di bilancio per le Fondazioni lirico-sinfoniche in difficoltà economiche che abbiano presentato un piano di risanamento. Il fondo di rotazione è stato incrementato di 10 milioni di euro per il 2016 ed è stato estesa a tutte le fondazioni la possibilità di accedervi.

Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha approvato il programma triennale degli interventi del Fondo per la Tutela del Patrimonio Culturale con un finanziamento a livello italiano di 300 milioni e 241 interventi. Risorse nuove e immediatamente disponibili, che hanno già avuto il via libera del Consiglio Superiore dei Beni Culturali, tengono conto delle esigenze e delle segnalazioni venute dai territori e contribuiranno al rilancio dell’economia.

Per il Veneto sono stati destinati 13,1 milioni di euro per 17 importanti progetti, alcuni dei quali riguardano la nostra città: sono stati infatti stanziati 45.000 euro per la manutenzione straordinaria dell’immobile e delle strutture archeologiche dell’area di S. Cosimo e 80.000 euro totali per indagini archeologiche e sistemazione dei resti di Castel San Pietro. Questi interventi confermano quanto la cultura sia tornata al centro della politica nazionale: dall’arte all’archeologia, dalle biblioteche agli archivi, dai musei alle eccellenze del restauro, non c’è settore dei beni culturali che non stia ricevendo un impulso significativo in termini economici e politici da questo Governo.

 

Diego Zardini
deputato PD

Tags: