Amo: Fondazione Arena deve pagare

Pubblicato da il 24 novembre 2015 0 Commenti

Fondazione Arena non può sottrarsi al pagamento dell’affitto del museo Amo, anzi, dovrebbe contribuire alle spese di manutenzione ordinaria e straordinaria della struttura. Lo conferma una nota del Ministero dei Beni Culturali a cui i dirigenti comunali erano ricorsi lo scorso giugno, a fronte della pretesa di Fondazione Arena di disdire unilateralmente anche il contratto di affitto per il museo Amo ubicato a Palazzo Forti. Un’altra tegola sulla testa del sovrintendente Girondini le cui azioni, ormai, sono dettate più dalla disperazione che dalla ragione.

Riassunto delle puntate precedenti: Girondini, che nel 2013 si era autocandidato al Nobel per l’Economia, aveva fatto inserire la gestione museale nello statuto della Fondazione Arena. Tale mossa, nella sua mente, lo avrebbe autorizzato a pretendere la concessione gratuita degli spazi occupati dal fallimentare museo Amo a Palazzo Forti in virtù della vecchia legge di trasformazione degli ex enti lirici in fondazioni lirico-sinfoniche, la quale obbliga gli enti locali a lasciare a disposizione dei nuovi organismi di diritto privato i locali e le strutture che già occupavano per lo svolgimento delle attività istituzionali. “Se la gestione museale è diventata attività istituzionale in quanto inserita nello statuto – così ragionava il nostro candidato al Nobel – allora il Comune ci deve dare Palazzo Forti gratis”.

Senonché, come subito avevano fatto notare i dirigenti comunali, l’obbligo in capo ai Comuni vale unicamente per le strutture destinate ad ospitare le attività specificamente previste dalla legge, cioè gli spettacoli lirico-sinfonici, i concerti e i balletti. Nient’altro. La gestione museale, che può avere uno scopo promozionale, è da considerarsi accessoria. Non è vietata alle fondazioni liriche, ma deve essere svolta “secondo criteri di imprenditorialità ed efficienza, nel rispetto dei vincoli di bilancio”. Tesi ora confermata anche dal Ministero. Quindi Girondini non può pretendere nulla.

Fin qui il diritto, arriviamo alle conclusioni politiche: Girondini ha mille ottimi motivi per non volere pagare questo obolo, ma sa benissimo, perché lo ha creato lui, che Amo non è un museo, è soltanto un escamotage con cui Tosi ha scaricato sulle spalle della Fondazione Arena i debiti contratti dal Comune con Cariverona. Palazzo Forti, sede dell’Amo, fu scambiato dal Comune (valore stimato di 33 milioni di euro) con l’85% delle quote della società Polo finanziario Spa per chiudere unilateralmente la partita dell’area davanti alla fiera. Con la scusa di mantenere la Galleria d’Arte Moderna (GAM) a Palazzo Forti, venne sottoscritto un contratto di affitto pesantissimo (9,5 milioni di euro in 20 anni) a carico del Comune. Sappiamo come andò a finire: la GAM traslocata a Palazzo della Ragione e l’affitto affibbiato a Fondazione Arena attraverso la costituzione di Amo. Quando oggi Tosi ci dice che l’insediamento di Esselunga davanti alla fiera è un affarone perché porta 27 milioni di euro nelle casse comunali, si dimentica di ricordare quanto è costata alle casse e al patrimonio pubblico la decisione unilaterale di smantellare il progetto del Polo Finanziario. Senza contare che restano impresse a imperitura memoria queste sue parole: “Togliere quell’area alla Fiera – aveva detto Tosi in Consiglio comunale – significava condannarla a morte e comprometterne lo sviluppo futuro”.

Michele Bertucco
capogruppo comunale PD
Allegato: relazione dei dirigenti comunali

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *