Scavi scaligeri: la soluzione c’è, intanto persa un’altra buona occasione

Pubblicato da il 11 maggio 2015 0 Commenti

Meglio tardi che mai: la soluzione promessa per limitare il più possibile (massimo qualche mese) il periodo di chiusura degli Scavi Scaligeri e del Centro Internazionale di Fotografia, coinvolti nella ristrutturazione di Palazzo del Capitanio, è un passo in avanti auspicato e sollecitato anche dal Partito Democratico. Vigileremo perché l’impegno venga mantenuto, resta tuttavia l’amaro in bocca per la negligenza dell’amministrazione comunale che, se si fosse mossa per tempo, constatata anche la disponibilità di Fondazione Cariverona, probabilmente avrebbe potuto garantire la perfetta continuità dell’attività del centro e del museo, consentendo tra l’altro di prendere parte con iniziative dedicate alle celebrazioni del grande evento Expo 2015.

Al netto dei problemi tecnici di cantiere, come abbiamo visto risolvibilissimi, la battuta d’arresto infatti è in gran parte ascrivibile alla decisione, precocemente presa dal Comune prima ancora di aver visto il progetto, di sospendere da maggio tutti i servizi attinenti agli Scavi. Per essere chiari: se bisogna aspettare l’autunno è solo perché il Comune deve bandire una nuova gara per la guardiania e gli altri servizi, con buona pace degli annunci sull’Expo e di quanti da anni lavorano con successo per promuovere Verona nel mondo. L’ennesima occasione persa.

I consiglieri comunali PD
Elisa La Paglia ed Orietta Salemi

Tags: ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *