Primo trimestre 2015: i risultati del JobsAct in Veneto

Pubblicato da il 7 aprile 2015 0 Commenti

L’Osservatorio&Ricerca di Veneto Lavoro ha pubblicato il numero di aprile della sua collana “Misure”, nel quale espone i risultati di un primo monitoraggio dei dati occupazionali alla luce delle riforme e dei provvedimenti attuati dal governo Renzi.

I dati, che sono effettivi, delineano una situazione di crescita costante nel 1° trimestre 2015. Le misure prese in considerazione sono gli incentivi per le nuove assunzioni a tempo indeterminato (Legge di Stabilità, in vigore dal 1° gennaio) e il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti (JobsAct, in vigore dal 7 marzo).

Il rapporto (qui in versione integrale) parla di “forte e progressiva crescita delle assunzioni con contratti a tempo indeterminato, con la seguente dinamica tendenziale: +18% in gennaio, + 46% in febbraio; +71% in marzo”, ovvero quasi 35.000 assunzioni a tempo indeterminato (+10.000 – ovvero +40% –  rispetto al primo trimestre 2014).

Anche il saldo assunzioni-cessazioni è più positivo rispetto allo stesso periodo del 2014, benché ancora non sufficiente su base annua (aprile 2014-marzo 2015). Sono in calo le forme contrattuali a intermittenza. l’apprendistato e i rapporti di lavoro parasubordinato. Da rilevare anche gli effetti positivi dell’effettivo decollo di Garanzia Giovani.

Particolarmente interessante è, poi, l’analisi delle imprese che hanno assunto e delle caratteristiche dei lavoratori coinvolti (invito a leggerla con attenzione): in questo senso il periodo è ancora troppo breve, però i dati rilevati indicano che la strada intrapresa è quella giusta. L’obiettivo della riforma è riordinare le forme contrattuali, estendere le tutele, rilanciare l’occupazione: risultati che, complice anche la generale ripresa, iniziano a concretizzarsi.

Lucia Corona Piu
responsabile Comunicazione Web PD Verona

 

Tags: , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *