Basta finanza creativa

Pubblicato da il 27 novembre 2013 1 Comment

Basta con la finanza creativa che spolpa le aziende comunali

La finanza creativa di Tosi e Toffali sta mettendo in ginocchio anche Agsm, l’ultima delle aziende comunali capace di produrre utili per il Comune. La preoccupazione è palpabile anche tra gli stessi dipendenti perfettamente consapevoli dell’inefficienza e della rapacità di questa gestione che si è fatta sfuggire appalti importanti avendo come unica preoccupazione quella di tappare i buchi prodotti da un’amministrazione comunale disastrosa.
Dal 2007 fino alla fusione Amia-Agsm ben 100 milioni di euro sono già transitati dalle casse dell’ex municipalizzata al buco nero del bilancio comunale. Un’altra operazione simile come quella che si prefigura per Fiera e Verona Mercato assesterebbe il colpo di grazia ad un’azienda che era florida in quanto di fatto ancora monopolista e che avrebbe dovuto soltanto pensare a migliorare i servizi preparandosi a quando il mercato sarà davvero liberalizzato.
Michele Bertucco, capogruppo Pd in Consiglio comunale

Tags: , ,

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. b.braga ha detto:

    Perché il PD non prende in mano la situazione attraverso la elaborazione di un bilancio
    “Consolidato” comprendente TUTTE la società partecipate, speciali, controllate, etc.
    In tal modo sarà possibile smascherare le notevoli criticità dei bilanci delle singole
    societa ‘ comunali, la cui redditività non corrisponde ai costi sostenuti per le varie gestioni, spesso in affanno. Non solo. In assenza di adeguati strumenti di controllo e di
    verifica il Sindaco Tosi continuera’nella sua disperata ricerca di fondi anche mediante
    operazioni di prelievo da societa’ comunali con liquidita ‘ di cassa , come AGSM ed
    AGEC, per travasarle nel bilancio comunale. Ritengo pertanto necessario che tutte le
    forze di opposizione si coaugolino per un concreto piano dei conti che dimostri ai
    cittadini veronesi la disastrata e confusa situazione economica del comune di Verona.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *